Una domenica a Bussana Vecchia con Yuliya e Nicolò

Quando Yuliya ci ha chiamati mesi fa per sapere se potevamo essere le persone giuste a cui affidare il racconto del loro matrimonio, ha concluso la telefonata con “Sono felice di aver trovato un’anima come la mia”. L’abbiamo capito subito, è qualcosa che non si riesce a spiegare a parole.

C’è chi si accontenta di servizi fotografici che sembrano “prodotti in serie”, perché non può neanche immaginare che possa esistere altro o perché è proprio ciò che cerca.
E poi ci sono le “nostre persone“. Chi vuole qualcosa di “diverso”, chi cerca un percorso con quel pizzico in più che rende tutto unico e speciale, una vera e propria esperienza che vada oltre ciò che ci si aspetta da un servizio fotografico.
Ci sono persone che cercano altre persone a cui affidare il racconto del loro Amore. Ci sono persone che al loro fianco, in un giorno così speciale, vogliono altre persone.
Non ci sono Clienti. Non ci sono Fornitori. Ci sono loro: le “nostre persone“.
Proprio come Yuliya e Nicolò.

Yuliya ha conosciuto Nicolò appena trasferita in Italia dalla Russia, qualche anno fa. Nicolò si è trasformato nella sua guida e l’ha accompagnata alla scoperta di un nuovo Paese, che è ora diventato la sua casa. E poi hanno deciso di continuare il viaggio alla scoperta della Vita insieme.
Per il loro Sì hanno scelto San Lorenzo al Mare, un tipico borgo ligure della Riviera di Ponente. Li abbiamo incontrati proprio lì un sabato sera per un aperitivo insieme e il sopralluogo alla location del matrimonio. Ci hanno raccontato come si sono conosciuti, ci hanno reso partecipi dei loro preparativi, abbiamo condiviso sogni e aspettative.
Ci teniamo molto a conoscere meglio le persone di cui racconteremo la storia, crediamo sia fondamentale entrare in sintonia per essere tutti più rilassati il grande giorno. E per conoscerli ancora meglio abbiamo deciso di trascorrere insieme una domenica mattina a Bussana Vecchia, un borgo a loro molto caro, a pochi passi da Sanremo.
Bussana Vecchia fu distrutta da un terremoto alla fine del 1800 e trasformata, negli anni ’60, in un villaggio internazionale di artisti e liberi pensatori che si fecero carico di ricostruirlo e ora si ritrovano negli spazi comuni per filosofeggiare in inglese, olandese e francese. Artisti, pittori, scultori, intagliatori di legno e poeti che hanno riempito una città fantasma con botteghe e atelier e che hanno dato vita a qualcosa di magico e fuori dal tempo. Un laboratorio d’arte a cielo aperto, un’altra dimensione.

Il servizio fotografico prematrimoniale di Yuliya e Nicolò sembra avere un sottofondo di musica francese.

Lei con il suo cappello di paglia e una gonna “che fa la ruota”, lui che le accarezza i capelli e la fa sedere sulle sue ginocchia. Lei ride, buttando la testa all’indietro. È bellissima. Ha un entusiasmo che contagia. Emana luce.
Passeggiano per i vicoli del borgo mano nella mano, lei bussa alle porte, incuriosita. Vengono rapiti da una musica che risuona tra le stradine e, seguendone le note, trovano un atelier di un pittore e iniziano a ballare.
Vanno alla scoperta di Bussana Vecchia, tra botteghe di artigiani e gatti sonnacchiosi, tra una carezza e una risata. Fanno colazione con un succo di frutta e una fetta di torta verde, una torta salata tipica della zona. Giocano con un cane di un signore francese che ama trascorrere ogni domenica a Bussana Vecchia. Così, semplicemente per godersi la vita. Si spingono fino a Casa La Barca, una “casa aperta” dove chiunque può trovare ristoro e un letto su cui dormire e dove si respira uno spirito di condivisione davvero unico.

Yuliya ricorda i suoi giochi d’infanzia, Nicolò la porta a cavalluccio.

Poi ci abbracciamo, li salutiamo e li guardiamo allontanarsi, tenendosi per mano, mentre Yuliya saltella di gioia come Charlot.

Grazie ragazzi per questa incredibile avventura!
Sarà un onore essere al vostro fianco il giorno del vostro matrimonio!

Поздравляем с помолвкой. Надеемся вы сможете сделать друг друга очень счастливыми!

Ogni uomo dovrebbe danzare, per tutta la vita. Non essere ballerino, ma danzare.
– R. Nureyev –

Copyrighted Image

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per garantirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi